Vivere meglio senza falsi obblighi

Non amareggiamoci la vita….

nocciole pralinate

Spesso quello che ci fa star male non è il modo in cui interpretiamo le cose. Così Rafael Santandreu, ci presenta il suo libro “L’arte di non amareggiarsi la vita”, Vallardi Editore .

In questo testo ci sono diversi capitoli interessanti sulla terapia cognitiva che aiuta a star meglio psicologicamente. Alla fine di ogni paragrafo ci sono degli schemi chiari su quello che è giusto ricordarsi per imparare a vivere meglio.

Eccoli alcuni dei punti che mi hanno colpito in riferimento a :

come disfarsi degli obblighi per non coltivare malumori e rancori.

  1. La maggior parte degli obblighi derivano da necessità inventate, perché pensiamo che dobbiamo fare certe cose, per timore del giudizio negativo degli altri.
  2. Bisogna fare le cose per piacere e non perché ci sentiamo obbligati. Aiutare i deboli, occuparsi degli anziani, prendersi cura dei propri familiari, va vissuto come un piacere, altrimenti ci peserà e la finalità positiva scomparirà.
  3. Non è sempre vero che gli altri hanno bisogno delle nostre attenzioni. Se gli diamo delle responsabilità, possono usare le loro capacità. Li aiutiamo a sfruttare le loro risorse e non a essere dipendenti da noi.
  4. Altro obbligo inventato è che noi siamo necessari per la serenità altrui. Ognuno vede il proprio bene, ma lo deve vedere grazie a se stesso.

 

Dott.ssa Patrizia Politano - Psicoterapeuta

Dott.ssa Patrizia Politano - Psicoterapeuta

La dottoressa Patrizia Politano è Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale. In più di 10 anni ha aiutato centinaia di persone ad affrontare e superare attacchi di ansia, attacchi di panico e le altre patologie psichiche derivate da stati di ansia persistente. Riceve su appuntamento (anche per telefono e via Skype), cell. 3478228233

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *