Paura delle malattie

Passi per superare l’ansia per la salute

 L’ansia passa quando riusciamo a trovare un giusto equilibrio tra quello che ci fa star male e quello che possiamo fare per ridurre la sofferenza.

 

ansia malattie

 1)      Stabilite quando serve preoccuparsi e quando no.

Una preoccupazione è utile quando riguarda un problema su cui si può intervenire subito e che appare fondato.. Inutile arrovellarsi per cose poco probabili.

Preoccupazione utile: posso fare qualcosa

Preoccupazione inutile: ipotesi infondata e non ci posso fare niente ora.. Se il medico ci dice di fare esami, li facciamo, ma il controllo compulsivo per individuare sintomi aumenta inquietudine e basta.

 2)      Accettate la realtà ed impegnatevi per il cambiamento.

Sulla salute non ci sono certezze, continui controlli non servono e neppure la rassicurazione degli altri. Ritardate i controlli e le rassicurazioni. E’ importante allenarsi all’incertezza (i nostri limiti)… “Qualche volta si sta male siamo  umani..”.

Accettare l’incertezza comporta una scelta con vantaggi legati ad avere meno ansia e a godersi l’oggi e con lo svantaggio che qualcosa ci può sfuggire…….

3)      Mettere in discussione il pensiero basato sull’inquietudine…Si può fare un registro delle preoccupazioni  e concedersi un momento dell’inquietudine…Solo in quel momento ci si preoccupa in modo da non fissarsi a tutte le ore, ma rimandare il pensiero, il quale alla fine perde di senso. Altra strategia è la verifica delle previsioni, ovvero cercare di riflettere su quante probabilità si possono avere di quello che temiamo, in modo da intervenire solo in casi estremi.

 4)      Concentratevi sulla minaccia più profonda:  non esiste una salute perfetta. Non bisogna ascoltare i pensieri che portano allarme ad ogni sintomo. Siamo vivi quando ci fa male la schiena o la testa, non c’è sempre une grave malattia. Il malessere ci porta a pare controllo prevenire, prendiamoci solo questa opportunità, senza esagerare..

 5)      Protezione e prevenzione.  E’ chiaro che con la salute non si scherza e occorrono comportamenti corretti che prevengano rischi inutili. Mangiar sano, essere prudenti, oculati nelle spese e attenti negli abusi, sono tutti comportamenti che aiutano a star bene.

 6)      Usiamo le emozioni.  L’ansia la rabbia, la tristezza vanno affrontate non negate.

 7)      Assumere il controllo del tempo.  Concentrarsi sul momento e riesaminare le esperienze del passato. Anche se ci sono stati episodi negativi non è detto che si ripetano. Inoltre, dilatare il tempo serve a sopportare meglio: fra un mese ci scorderemo di quel dolore oggi insopportabile.

 La cosa temuta, non è tollerabile, perché incerta oscura….Se controllo riduco l’incertezza, ma è un’illusione perché rimane l’inquietudine…Le convinzioni di base veicolano e filtrano l’esperienza… C’è chi vuole essere indipendente, chi ha paura dell’abbandono, chi ha un forte senso di responsabilità…, chi teme di potersi ammalare.

Si crea un polo di direzione che la persona va a seguire per ottenere ciò che vuole …e spesso finisce per ottenere il contrario…Ho il terror di star male e quindi sto in agitazione per evitare una malattia grave, ma così facendo creo una tensione, che certo non mi fa star bene.

Dott.ssa Patrizia Politano - Psicoterapeuta

Dott.ssa Patrizia Politano - Psicoterapeuta

La dottoressa Patrizia Politano è Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale. In più di 10 anni ha aiutato centinaia di persone ad affrontare e superare attacchi di ansia, attacchi di panico e le altre patologie psichiche derivate da stati di ansia persistente. Riceve su appuntamento (anche per telefono e via Skype), cell. 3478228233

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *