Training di risoluzione del problema

Chi è ansioso teme di trovarsi di fronte a questioni che non sa affrontare. Ha paura di fallire, di non saper sostenere la prova.

Ecco un procedimento attraverso cui poter imparare a vivere i problemi con meno tensione, grazie a strategie di soluzione.

La prima  fase consiste nel cercare  di far comprendere il problema e di reagire in modo costruttivo ad eventi  stressanti.

 

quadro

E’ importante infatti adottare un orientamento al problema positivo:

– va riconosciuto il problema quando si presenta;

– bisogna rendersi conto che le difficoltà sono inevitabili;

– vanno  attribuite con precisione le  cause;  

– meglio considerare i problemi come sfide piuttosto che catastrofi;

– è necessario aumentare la fiducia nelle capacità di fronteggiamento del problema;

– bisogna capire che l’impulsività va inibita e che per certe questioni complesse  occorre tempo e impegno;

– va insegnato a riflettere, a fermarsi e a vedere le emozioni come dei suggerimenti o segnali dell’esistenza dei problemi.

– ristrutturare emozioni  e pensieri di sconforto  e superare le stato emozionale e le convinzioni che bloccano il processo di risoluzione (“non ce al posso fare, è inutile che mi impegni”, diventa : voglio riuscire a sbloccare la situazione”;

– va usato un linguaggio chiaro e non ambiguo per leggere  gli eventi stressanti: meglio non generalizzare; né lasciarsi guidare da false convinzioni.

 Prendiamo la situazione di chi si sente ansioso e sotto stress perché vorrebbe avere una relazione duratura con un partner e che ogni volta che si lega si sente in ansia quando non sente l’altro, perché teme di essere tradito e abbandonato.

Gli obiettivi da perseguire potrebbero essere:

da un lato conoscere qualcuno, dall’altro instaurare un buon legame.

 Per avere l’opportunità di frequentare un uomo, vanno create occasioni di uscire vedere gente, chiamare amici, proporre uscite. Poi va migliorata la comunicazione e occorre lavorare sulla capacità di tollerare eventuali rifiuti. Non è sempre un dramma che all’inizio non si incontri la persona giusta, meglio andarci piano, conoscere approfondire non avere fretta e non aver pretese di trovare subito chi starà con noi per sempre.

La questione legata alla voglia di avere una relazione duratura va impostata piano piano soprattutto creando un clima di fiducia reciproca e cercando star bene insieme, quindi i pensieri ansiosi diventano un ostacolo a ciò. Se diamo amore e rispettiamo l’altro, costruiamo un rapporto piacevole, cerchiamo di condividere interesse e proviamo a confrontarsi e a mediare nelle esigenze, allora le cose andranno bene. Se pretendiamo che l’altro sia come vogliamo o lo costringiamo per via della gelosia  a rinunciare a se stesso, il contatto lentamente si perde.

 Dopo aver sviluppato dunque una lista  di possibili soluzioni a alternative al problema , l’obiettivo successivo è scegliere tra le varie opzioni.

Dott.ssa Patrizia Politano - Psicoterapeuta

Dott.ssa Patrizia Politano - Psicoterapeuta

La dottoressa Patrizia Politano è Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale. In più di 10 anni ha aiutato centinaia di persone ad affrontare e superare attacchi di ansia, attacchi di panico e le altre patologie psichiche derivate da stati di ansia persistente. Riceve su appuntamento (anche per telefono e via Skype), cell. 3478228233

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *